Willkommen auf den Seiten des Auswärtigen Amts

Lo Stato della Città del Vaticano

Piazza San Pietro

Piazza San Pietro, © Ambasciata di Germania presso la Santa Sede

24.01.2018 - Articolo

Il Vaticano dispone su un territorio di di importanti collezioni d’arte e costruzioni sacre nonché di importanti siti archeologici. In queste pagine Vi forniamo alcune brevi informazioni, consigli e link che possono esserVi utili a preparare o organizzare una visita al Vaticano.


Piazza San Pietro

La sua forma attuale trae origine dalle idee e dai progetti del Bernini. Il colonnato è formato da 248 colonne, al centro della piazza si erge un obelisco proveniente dall’Egitto.


Basilica di San Pietro  http://www.vatican.va/various/basiliche/san_pietro/vr_tour/index-it.html  (visita virtuale)

La sua prima pietra fu posata nel 1506 sulle fondamenta della Basilica di San Pietro costruita sotto l’Imperatore Costantino nel IV secolo d.C. Numerosi maestri costruttori e artisti del Rinascimento furono impegnati per decenni nella costruzione, strutturazione e decorazione della Basilica, tra cui vanno menzionati Bramante, Bernini, Raffaello e Michelangelo. Con una lunghezza di ., una larghezza di . ed un’altezza di . nella cupola, è la più grande Chiesa della Cristianità e può contenere fino a 60.000 fedeli.

Al suo interno si possono ammirare (ci limitiamo qui ad una piccola selezione):

-       sulla soglia centrale la lastra di porfido su cui nel Natale dell’800 d.C. Papa Leone III incoronò Carlo Magno imperatore;

- sul lato destro, provenendo dall’ingresso, la Pietà di Michelangelo (1499), al centro la tomba di San Pietro, sopra la quale è posto l’Altare papale alto ., costruito dal Bernini, con un baldacchino di bronzo;

-       nell’abside la Cattedra pontificia di bronzo che racchiude il soglio ligneo di Pietro.

È interessante salire sulla cupola di San Pietro, da cui si gode una splendida vista sul paesaggio romano. Sotto la Chiesa di San Pietro si trova una necropoli romana. Numerose ricerche archeologiche hanno formulato l’ipotesi che nella necropoli si trovi il sepolcro dell’Apostolo Pietro. Gli scavi sotto la Basilica possono essere visitati soltanto con una guida e previa prenotazione.


Musei Vaticani  http://mv.vatican.va

Custodiscono una delle più importanti e ampie collezioni d’arte di Roma. Vi possono essere ammirati reperti egiziani, etruschi, greci e romani, dipinti di grandi maestri del Medioevo e del Rinascimento nonché affreschi in alcune stanze che fanno parte del Palazzo Apostolico Vaticano e in passato furono utilizzate dai pontefici come loro appartamento e studio.

Opere di grande rilievo sono il Gruppo del Laocoonte, la Cappella Niccolina affrescata da Beato Angelico (Cappella di Niccolò V, in cui viene raffigurata la storia dei martiri Lorenzo e Stefano) e le stanze affrescate da Raffaello e dai suoi allievi negli anni 1508-14. Il circuito di visita dei Musei Vaticani include anche la Cappella Sistina con gli affreschi di Michelangelo. Gli affreschi del soffitto (storia della creazione e diluvio universale, profeti e sibille) furono realizzati negli anni 1508-1510, il grandioso affresco del Giudizio Universale sulla parete dell’altare fu invece dipinto egli anni 1534-41. Si consiglia anche di visitare la Pinacoteca Vaticana con opere di Giotto, da Vinci, Tiziano e Caravaggio.


Archivio Segreto Vaticano  http://asv.vatican.va

Il cosiddetto “Archivio Segreto Vaticano” conserva collezioni e opere molto preziose. In realtà non si tratta di un vero “archivio segreto”, come si crede spesso erroneamente, bensì dell’“archivio privato” dei pontefici. L’Archivio custodisce innumerevoli testimonianze storiche, per esempio bolle papali con sigilli medievali unici e la registrazione della scomunica di Lutero del 20 giugno 1520. Da breve tempo l’Archivio Segreto Vaticano è visitabile anche online. Per accedere al sito cliccare sul link in fondo alla pagina.


Campo Santo Teutonico  http://www.vaticanstate.va/IT/Altre_Istituzioni/Campo_Santo_Teutonico.htm

Il Campo Santo è situato tra la Basilica di San Pietro e la Sala delle udienze. È la più antica Fondazione nazionale tedesca a Roma. Nell’antichità al suo posto si trovava il Circo di Nerone, teatro di molti martirii cristiani. Intorno al 799 si riferì per la prima volta di una Schola Francorum. A metà del XV secolo, quando nel 1450 l’Anno Santo attirò a Roma molti pellegrini tedeschi, furono ricostruiti cimitero e chiesa e i membri tedeschi della Curia si associarono in una Confraternita che esiste tutt’oggi in forma molto più evoluta e gestisce la Fondazione. Nell’ultimo quarto del XV secolo sorse la Chiesa odierna, nel 1597 la Confraternita divenne “Arciconfraternita di Santa Maria della Pietà nel Campo Santo dei Teutonici e Fiamminghi”. Dal 1876 ad essa è collegato un Collegio per sacerdoti che dispone di 20 posti per studenti ecclesiastici provenienti dai Paesi di lingua tedesca. Dal 1888 si trova qui anche l’Istituto Romano della Società Görres, dotato di una biblioteca con ca. 40.000 volumi. Per la sua posizione straordinaria il Campo Santo è da sempre un ambito luogo di sepoltura. Secondo lo statuto hanno diritto di esservi sepolti i membri dell’Arciconfraternita, i membri di ordini di origine tedesca nonché dei due altri collegi tedeschi a Roma (Anima e Germanicum).


Che cosa c’è ancora nel Vaticano?

All’interno delle mura dallo Stato del Vaticano si trova la Stamperia Vaticana, l’Osservatore Romano, il quotidiano ufficiale del Vaticano, l’ufficio delle poste e del telegrafo, una farmacia, un supermercato e l’Elimosineria (dove si possono richiedere benedizioni e auguri scritti del Papa). Ai turisti è tuttavia consentito l’accesso soltanto fino all’Osservatore Romano o all’Elimosineria.

  

Contenuti simili

Torna a inizio pagina